Tecniche uditive per diversamente abili

La vita per chi è difficile da ascoltare o per le persone con problemi di udito, specialmente i bambini, non deve essere difficile; le tecniche di ascolto per diversamente abili sono disponibili in forma tradizionale e moderna. Le tecniche moderne sono migliori in quanto consente un adattamento più agevole sia per l'insegnante che per lo studente.

Le statistiche mostrano che uno su mille bambini nasce con perdita dell'udito. Nove su dieci di loro sono nati da genitori con piena capacità uditiva. Questo dimostra che questa condizione può colpire chiunque e l'unica cosa migliore da fare è diagnosticare il più presto possibile. Ciò migliorerà le possibilità di ripristinare le capacità uditive del bambino. Per quanto riguarda le tecniche, nessuna è efficace da sola. L'unico risultato è l'insegnante che si prende il tempo per apprendere le capacità, i bisogni e la personalità dello studente. In questo modo, sapranno quale tecnica funziona meglio per chi. Le tecniche di ascolto per diversamente abili sono elencate di seguito:

Bilingue-biculturale: questo è l'uso del linguaggio dei segni solo per insegnare. L'apprendimento di una lingua viene fatto esponendo gli studenti a parole stampate su carta.

Uditivo o orale: questa tecnica utilizza l'udito e le abilità linguistiche per insegnare. La lingua dei segni non è inclusa.

Comunicazione totale: questo metodo utilizza sia la prima che la seconda tecnica per dare istruzioni.

Altre tecniche che migliorano l'udito per i diversamente abili

Intervento precoce - soprattutto quando il bambino è ancora all'asilo. L'indagine condotta da un'università ha dimostrato che la sfida uditiva viene diagnosticata quando il bambino ha già quattro o cinque anni. La diagnosi precoce e l'intervento potrebbero prevenire ulteriori danni alle orecchie.

Monitoraggio regolare: si tratta di monitorare e misurare i progressi. È molto importante poiché non è dato che, anche dopo aver usato tecniche diverse, i bambini abbiano imparato ad ascoltare e parlare con successo. Un monitoraggio regolare aiuterà l'insegnante a sapere che cosa funziona meglio e quando la tecnica deve essere cambiata.

Considerazione della comunicazione: il modo di parlare a un bambino con problemi di udito è quello di attirare la loro attenzione per primi. Si dovrebbe anche parlare in modo naturale e a velocità moderata. Se si usano espressioni facciali, non dovrebbero essere esagerate

Ambiente scolastico domestico: la casa da cui proviene lo studente dovrebbe essere sensibilizzata sull'importanza del supporto che sono tenuti ad accordare. Ciò garantisce che l'apprendimento continui anche nella configurazione domestica.

Scuole residenziali per non udenti - quando lo studente è teso a cogliere le lezioni, potrebbe essere necessario un collegio. Non solo sapranno che ce ne sono altri come loro ma danno anche agli insegnanti la massima attenzione per aiutarli.

Aule modificate: le classi che devono essere utilizzate dai diversamente abili devono essere progettate in modo da ridurre al minimo il rumore fastidioso, la massima produzione sonora e avere un'illuminazione adeguata per facilitare la visualizzazione.

Mainstreaming e inclusione nei contesti educativi generali - questo dipenderà dall'estensione delle capacità uditive del bambino. Quelli con un grado da moderato a moderato possono trarre beneficio se inclusi nella configurazione dell'istruzione generale. Impareranno ad ascoltare, osservare e parlare.