Guarire ferite da osso grave in modo efficace usando solo una cornice esterna

Dopo un'attenta analisi di una lesione ossea, il chirurgo prende la decisione di trattarlo fissandolo dall'esterno dell'area lesionata. Uno scopo di questo tipo di chirurgia è quello di stabilizzare l'osso e i tessuti molli. Fissatore esterno I produttori di India forniscono tutti i fissatori e gli impianti di cui hanno bisogno i chirurghi. I produttori indiani sono noti per aderire agli elevati standard di qualità globali.

Come funziona la procedura chirurgica

Il chirurgo prima ispezionerà attentamente l'area ferita. L'esame aiuta a decidere se l'osso e i tessuti possono essere curati o meno con un trattamento esterno. Se il fissatore esterno è la soluzione giusta, il chirurgo inserisce i perni attraverso la pelle attorno alla zona lesa. Per inserire i perni, il chirurgo esegue alcune incisioni precise sulla pelle e sui muscoli. Oltre ai perni, alcune viti vengono anche inserite nella pelle. Quando i perni vengono inseriti nell'area della pelle, vengono coinvolti fissatori esterni per tenere fermamente i perni e l'intero telaio

Si può dire che i fissatori esterni sono principalmente utilizzati per stabilizzare le ossa ferite. Il telaio mantiene saldamente le ossa in una posizione. Per mantenere saldamente il fissatore esterno in un punto, il chirurgo può anche utilizzare aste e piastre, oltre a perni e viti.

Tuttavia, va notato che i fori per inserire i perni e le viti sono scavati un po 'lontano dalla zona della pelle ferita e non su di esso. Se necessario, il chirurgo può quindi inserire anche fili e bulloni nel foro. Una volta che questa procedura è finita, il passo successivo è che i bulloni sono giuntati all'esterno della pelle usando un pezzo di metallo o un'asta. A volte, i chirurghi usano giunti sferici per dare ulteriore supporto al telaio. I bulloni e i perni devono essere accuratamente puliti e purificati prima di inserirli nell'area della pelle. Protesi ortopediche I produttori indiani realizzano tutti i tipi di perni, viti, barre, telai, ecc. Hardware necessario per la procedura di chirurgia del fissatore esterno.

La maggior parte della procedura di fissatore esterno si svolge in anestesia generale. Ma non è necessaria tale anestesia quando si rimuove il telaio quando la ferita si è completamente rimarginata.

Condizioni per l'uso di fissatori esterni

Esistono infatti molti usi di fissatori esterni a seconda del tipo di lesione ossea. Il chirurgo può optare per il trattamento esterno di un osso lesionato per stabilizzare le fratture esposte. Alcune lesioni ossee sono tali da poter essere curate correggendo il loro disallineamento usando questi fissatori. Uno degli scopi più utili dei fissatori esterni è quello di allungare le gambe per aumentare l'altezza di una persona. Il chirurgo può correggere le discrepanze di lunghezza.

I fissatori esterni sono anche utili per trattare le rotture dell'anello pelvico e le fratture pediatriche. Quelle fratture aperte che hanno interrotto la distruzione dei tessuti molli sono anche trattate in modo efficace da fissatori esterni. I chirurghi usano questi fissatori anche per fratture instabili. Tutte le fratture non associate o correlate alle infezioni vengono anche trattate con questo metodo. Quindi questo metodo è contrario alle procedure chirurgiche come la protesi d'anca India, che richiede interventi chirurgici più profondi all'interno del corpo per inserire gli impianti.

Allungamento degli arti

Uno degli scopi chiave dei fissatori esterni è allungare gli arti più brevi di cui soffrono molte persone. In questi casi, il chirurgo posiziona spilli o fili fissatori esterni su entrambi i lati dell'arto, che è principalmente una gamba. Quindi, l'apparato esterno spinge le due ossa gradualmente via l'una dall'altra. Ogni giorno, il chirurgo allunga i fissatori di un millimetro ogni giorno. In molti casi, il fissatore viene utilizzato anche per il rimodellamento osseo.

Una volta che la procedura chirurgica è finita, il paziente richiede in genere da 6 a 12 settimane per riprendersi completamente. Ma una frattura complicata può richiedere molti mesi per guarire.