Quali sono le cause della febbre da fieno?

La febbre da fieno è una reazione allergica molto comune che colpisce fino a 1 persona su 5 a un certo punto della loro vita. Non è certo quale sia il motivo per cui il sistema immunitario risponde al polline come fa un virus e causa sintomi, tuttavia alcuni fattori sono noti per aumentare il rischio, inclusa l'esposizione al fumo di tabacco nella prima infanzia e una storia familiare di febbre da fieno o altre condizioni allergiche, cioè l'asma.

I sintomi della febbre da fieno includono starnuti, tosse, rosso, prurito, lacrimazione, prurito nasale e gola. Meno comunemente, si possono avvertire dolore facciale dovuto a seni ostruiti, perdita dell'olfatto, sudorazione e mal di testa. I sintomi si verificano quando il polline delle piante irrita e infiamma il naso, la gola e i seni paranasali. A seconda del periodo dell'anno, la causa potrebbe essere l'albero, l'erba o il polline d'erba, sebbene la maggior parte delle persone sia allergica all'erba. Molte persone scoprono che i sintomi della febbre da fieno migliorano man mano che invecchiano, con circa il 10% -20% delle persone che li denunciano completamente.

La febbre da fieno non è letale o pericolosa per la vita, ma può avere un effetto negativo sulla qualità della vita di una persona, in particolare durante i mesi estivi. Ci sono una serie di misure che possono essere adottate per facilitare i sintomi. Precauzioni come indossare occhiali da sole per assicurarsi che il polline non entri negli occhi, lavarsi dopo essere uscito all'aperto durante l'estate ed evitare di uscire all'aperto quando il numero di pollini è alto (oltre 50) riducono il contatto con il polline e aiutano a controllare i sintomi. I farmaci che curano la febbre da fieno includono antistaminici che impediscono che si verifichi una reazione allergica, impedendo al corpo di rilasciare l'istamina chimica quando avverte che è sotto attacco da un allergene.

Gli antistaminici si presentano sotto forma di spray e pillola e possono essere presi preventivamente o come richiesto. Gli antistaminici più vecchi erano soliti causare sonnolenza, tuttavia questo di solito è solo un raro effetto collaterale in quelli nuovi. I corticosteroidi sono anche disponibili sia come spray che come pillole, prescritti per il loro effetto antinfiammatorio nelle persone che hanno un naso bloccato come loro principale lamentela, che sono incinte o che allattano o non rispondono agli antistaminici. Lo spray funziona meglio se usato poche settimane prima della comparsa dei sintomi e se usato regolarmente. Le pillole di corticosteroidi non vanno prese per più di 10 giorni, perché se usate più a lungo possono avere effetti collaterali spiacevoli.

Decongestionanti nasali e colliri sono anche utili per combattere i sintomi specifici della febbre da fieno. Nei casi più gravi, può essere intrapresa un'introduzione dell'allergene per un lungo periodo di tempo, chiamata immunoterapia.